Kaizen Mental Training Blog

Come evitare che i tuoi gesti passino inosservati

“Se gli altri ti trattano da zerbino, è perchè TU ti fai calpestare”
mia nonna Pina

A volte, per quanto ci impegniamo, sembra che le persone intorno a noi non si accorgano dei nostri sforzi.
Sembra che lo diano per scontato, ma è davvero solo colpa loro?
Scopri in questo articolo come far sì che gli altri diano VALORE ai tuoi gesti.

Ti è mai capitato di fare qualcosa per qualcuno, magari un favore, o un gesto carino e poi restare deluso nel momento in cui quest‘ultimo non ha ricambiato?
Magari ti sei fatto in quattro per aiutarlo in una situazione e quando poi ti aspettavi ricambiasse il favore, lui si è voltato dall’altra parte.
A volte, per quanto noi ci sforziamo di essere cortesi e disponibili nei confronti degli altri, sembra che questi se ne freghino.

Sono solo degli egoisti e insensibili? 

Possibile che non si rendano conto di quanto abbiamo fatto per loro?

Forse potrai stupirti davvero leggendo questo articolo….forse ti renderai conto che hai molto più controllo della situazione di quanto credevi…confermerai ancora una volta che per cambiare il comportamento degli altri, è fondamentale cambiare prima il tuo.


ANCHE TU FAI QUESTO ERRORE?

Un gran numero di persone, me compreso in passato, per i più strani motivi, tende a sminuire i propri gesti.

Una persona che stimo molto ha una azienda e ha un credito in denaro nei confronti di una persona che a suo tempo usufruì di un suo servizio. Il servizio è stato svolto, ma il debitore non fa che rimandare il giorno in cui salderà il debito.

Puntualmente, ogni volta che si vedono, il debitore dice:

Non mi son dimenticato di quei soldi! Te li devo ancora dare!

E il creditore risponde con un:

figurati, non ti preoccupare, stai tranquillo.

E la conversazione prende poi un’ altra strada.

Mi rendo conto che il buonsenso dice che è dal debitore che dovrebbe partire il gesto e non ci dovrebbe essere bisogno di ricordarglielo, ma le persone a volte sono strane (per non dire qualcos’altro).

Il creditore continua ad aspettare quei soldi, ma purtroppo, se continua a rispondere in quel modo, non otterrà ciò che vuole.
Quello che voglio dire, è che il linguaggio che usiamo crea la realtà che gli altri percepiscono.
Può capitare ad esempio che ci sbattiamo come pochi per organizzare qualcosa e quando gli altri ci ringraziano per quello che abbiamo fatto, rispondiamo con frasi come:

Figurati, non c’è di che

Ma cosa vuoi che sia…tranquillo! È stato solo un piacere

Mio dovere… figurati, ma scherzi?!

Altre volte facciamo un favore, gli altri ci ringraziano e quando ci chiedono se abbiamo faticato a fare quello che abbiamo fatto, ci copriamo di modestia dicendo:

E’ stata una stupidaggine…cosa vuoi che sia.

Se sminuiamo continuamente quello che facciamo per evitare di passare per “modesti” o per rischiare di non sembrare”carini e cortesi”, non pretendiamo poi che gli altri riconoscano il valore di ciò che abbiamo fatto.

E’ inutile aspettarci che  gli altri  riconoscano i nostri sforzi se noi per primi non lo facciamo!

Se noi, per primi, non diamo VALORE ai nostri gesti, come possiamo pretendere che gli altri lo facciano?

E’ inutile aspettare un apprezzamento dagli altri, pretendere che “loro” capiscano tutto quello che abbiamo fatto, tutto l’impegno che ci abbiamo messo, se noi per primi non lo manifestiamo!
Dobbiamo impararare a dare VALORE alle nostre azioni e dobbiamo manifestarlo attraverso le parole, perchè è con quelle che diamo senso alle cose.

DAI VALORE AI TUOI GESTI, USANDO LE PAROLE GIUSTE

Se diciamo che quello che abbiamo fatto “non è niente, è solo una sciocchezza“, gli altri lo crederanno.
Cosa accadrebbe se dicessimo invece:

sì, è stata una vera fatica organizzare tutto a puntino e ne è valsa comunque la pena“?

Cosa accadrebbe se il mio amico creditore dicesse:

sì, so che mi devi ancora quei soldi, neanche io mi sono dimenticato”, magari con un sorriso?

Abbiamo molto più potere di quanto crediamo.

La prossima volta che fai un favore a qualcuno e questo ti ringrazia, se vuoi lasciargli un senso del debito rispondi con un: “prego”, punto.
La prossima volta che ti sbatti e con le migliori intenzioni fai un favore a qualcuno, nel momento in cui ti ringrazia riconosci l’impegno che hai messo in quella cosa.
Puoi essere gentile e allo stesso  tempo riconoscere il VALORE di quello che hai fatto!
Le due cose non si escludono, ma vanno a braccetto!

Es:

E’ stata dura e ne è valsa la pena.

Prego, mi sono impegnato molto a fare questa cosa e son contento che tu abbia apprezzato.

Apprezzo che tu riconosca l’impegno che ho messo, l’ho fatto volentieri, perchè sei TE.

Son contento di averlo fatto, anche se è stato impegnativo.

Stai certo che le persone, in questo modo, ricorderanno bene ciò hai fatto per loro, ti mostreranno gratitudine perchè apprezzeranno i tuoi gesti e allo stesso tempo apparirai deciso, sicuro e di valore.

Una persona cortese che sa il fatto suo!

Dimmi che ne pensi, se vuoi, nei commenti.

 

Marco De Paola



Autore

Lascia il Tuo Commento